“NOTTE VERDE” – I GIOVANI CHE RISCOPRONO LA CULTURA E L’ARTE INSIEME AD ANTONIO CARAMIA

Sono giovani i protagonisti e organizzatori della “Notte Verde”. Un gruppo di studenti ed ex studenti agguerriti e uniti in una sola azione: l’amore per la cultura, quella con la a maiuscola ovviamente! Erano anni che non si vedevano in giro giovani che si assumono la responsabilità di progettare eventi culturali di uno spessore così importante ed interessante per la comunità. Questa volta presso la città di Cisternino il 18 e 19 agosto è toccato a “Gianni Rodari”, autore dai mille volti spesso dimenticato nel cassetto dai maggiori focolai della cultura italiana ed europea, ma si sa che chi brilla della luce propria o prima o poi, se dimenticato, verrà ricordato. Questi giovani hanno saputo mettere insieme una serie di attività culturali e ludiche in ricordo di questo grande autore, ricordando che il 23 ottobre 2020 compie 100 anni. Ricordandovi che, grandi gruppi culturali hanno cambiato la storia come i “crepuscolari”, i “futuristi” ecc… nati dal coraggio di mettere in discussione la cultura contemporanea e di rivalutarla e riqualificarla secondo nuovi punti di vista, questi giovani seguono una strada brillante e piena di iniziative e meritano di essere ricordati partendo dai loro nomi, divisi secondo precisi incarichi operativi e organizzativi:

Performer "Notte Verde":

Federico Arcadio, Riccardo Antonazzo, Rodolfo Blasi, Mariangela Bromo, Dalila Campioni, Ludovica D'Autilia, Alessandra De Angelis, Vincenzo Luca De Florio, Erika De Mitri, Chiara Di Viggiano, Marco Formuso, Martina Greco, Francesca Lenti, Ciro Lupo, Rocco Maggi, Aurora Mameli, Sabrina Marra, Caterina Petrarulo, Simona Piccione, Simona Solito.

Addetti alla comunicazione:

Ludovica D'Autilia, Davide Galeone, Francesca Lenti, Pierantonio Lenti, Simone La Corte, Daniele Quaranta.

In tale occasione sarà presentata ancora l’opera pittorica di Antonio Caramia (dedicata a Gianni Rodari) che interverrà raccontando alcuni aneddoti della poesia e delle filastrocche del grande autore, e di come lo hanno portato a realizzare con fervida immaginazione questo particolare dipinto. Facile intuire come la passione di studenti e docenti per la cultura e per l’arte non possa far altro che generare qualcosa di positivo per l’intera comunità che in questo senso non può far altro che crescere ed arricchirsi.

Cisternino (BR) - Il 18 e il 19 agosto si terrà a Cisternino la sesta edizione di "Notte Verde - terra e la luna", evento nato nel 2015 grazie all'associazione Urbieterre e in collaborazione con il comune di Cisternino e vari enti, sia pubblici che privati. Un festival agriculturale che unisce cultura, tradizione, fantasia ed enogastronomia.Quest'anno si sperimenterà una nuova formula, lo spettacolo sarà un viaggio itinerante in epoche e luoghi diversi, per scoprire e riscoprire la nostra storia e le nostre tradizioni alimentari e del convivio. Lo spettacolo si svilupperà lungo il Belvedere di Cisternino, uno dei Borghi più belli d'Italia. Il pubblico sarà accompagnato e guidato in questo viaggio fantastico da Beniamino, menestrello di Cisternino, personaggio fittizio la cui creazione è stata ispirata dal metodo pedagogico di Gianni Rodari. In occasione dei cent'anni della sua nascita presso la Pineta Comunale è presente una mostra a lui dedicata, intitolata "Il favoloso Gianni".Lo spettacolo è stato creato e curato dal regista e attore Giuseppe Calamunci Manitta e sarà interpretato dai ragazzi dell'associazione AWA A.P.S., giovane realtà nata a Grottaglie (TA) che si occupa di eventi, spettacolo e produzione audiovisive.Le due serate si apriranno con due tavole rotonde, una sul carrubo e l'altra sul vino. Nella zona in cui si terrà lo spettacolo saranno presenti inoltre degli stand enogastronomici. Oltre lo spettacolo, durante la serata avranno luogo numerosi interventi sui temi che meglio rappresentano "Notte Verde".La parte dedicata all'ambiente e l'agricoltura sarà curata da Carlo Palmisano, che illustrerà gli usi e le tradizioni legati alle erbe spontanee.Sarà presente la comunità del presidio "Pomodoro regina al filo di cotone" di Torre canne, che compie 10 anni. L'associazione Archeo di Brindisi si occuperà invece della parte riguardante l'alimentazione nel periodo romano e i suppellettili.Il periodo medievale sarà rievocato dal punto di vista didattico e culinario dall'associazione "Porta Barsento" di Putignano e dal punto di vista musicale dall'Ensemble Concertvs.Dopo una pausa durata alcuni anni, ci sarà il ritorno del Parco regionale delle Dune costiere e di alcune sue aziende.Dulcis in fundo, sarà presente la poetessa Annamaria Colomba, che ci incanterà con la sua voce. Affinché "Notte Verde" sia un successo a tutti gli effetti, è necessario che operatori e visitatori siano rispettosi delle norme anticovid."Notte verde" è un evento unico, che mira ad esaltare la bellezza dei luoghi e il valore del cibo. Affinché "Notte Verde" sia un successo a tutti gli effetti, è necessario che operatori e visitatori siano rispettosi delle norme anticovid."Notte verde" è un evento unico, che mira ad esaltare la bellezza dei luoghi e il valore del cibo.